Snfia Arte

Solidarietà, musica, arte e bellezza per lanciare una nuova grammatica del lavoro. Questi i linguaggi scelti per trasmettere il proprio messaggio e recuperare l'identità più profonda.

  Accedi alla sezione

StareInsieme

Le attività promosse da SNFIA al di fuori del perimetro strettamente sindacale e volte alla valorizzazione, in ogni sua forma, del tempo libero e della sfera sociale e culturale.

  Accedi alla sezione

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere la newsletter SNFIA inserisci la tua mail e segui le istruzioni inviate all'indirizzo indicato.

 

 

  Iscriviti alla newsletter

COMUNICAZIONE    ULTIME NOTIZIE

Marino D'Angelo commenta i fatti di Bruxelles

Marino D'Angelo commenta i fatti di Bruxelles

 

E' forse questa la terza guerra mondiale strisciante preconizzata dal Papa?

 

Roma - Un attentato così mirato ai punti strategici dell’intera Unione europea, nella città che è sede della Commissione e del Parlamento e che, nel contempo, ospita anche il quartier generale della NATO, oltre all’orrore che suscita e al cordoglio per le 28 vittime, mina alla base le nostre certezze di sicurezza e potrebbe costituire un colpo di maglio alla nostra identità occidentale. Viene d’istinto da chiedersi se sia forse questa la terza guerra mondiale strisciante preconizzata da Papa Francesco nell’agosto del 2014.
L’attacco viene da cellule radicatesi nel nostro quotidiano e, dunque, ancora più pericolose e ‘invisibili’, indirizzate dal loro gruppo dirigente, al di là del Mediterraneo, a colpire obiettivi strategici, seminando paura. La rivendicazione via Istagram non si è fatta attendere, anticipata dai commenti soddisfatti riportati su siti e pagine dei social network legate all’Isis.
La nostra risposta di cittadini a tale strategia della tensione non deve farci perdere di vista i nostri ideali e i nostri principi: essa non può essere semplicemente delegata allo Stato o agli organismi dell’Intelligence, sia pure coordinati e organizzati in una risposta univoca, ma coinvolge tutti noi, come ‘persone’, dotate di cuore e cervello, di fronte a non-ideali di brutale aggressività.
Il nostro Sindacato ha sempre fatta sua la bandiera della solidarietà e del sostegno ai deboli; il vedere i lupi travestiti da agnelli che mordono la nostra realtà e i nostri diritti non deve, d’altronde, generare in noi una reazione generalizzata che criminalizza lo straniero. Su di loro abbiamo il primato di saper coltivare in noi le ragioni della società civile. Siamo tutti noi coerente testimonianza, nelle idee e nelle azioni, di questa nostra convinzione.


 

Marino D'Angelo (Segretario generale Snfia)

Pubblicato il 22.03.2016

 

Ultime notizie

     SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI RYANAIR14.12.2017
     COMUNICATO UNITARIO GRUPPO UNIPOLSAI12.12.2017
     INCONTRO DELLA SEGRETERIA NAZIONALE CON GLI ATTIVI DEL PIEMONTE12.12.2017
     COMUNICATO UNITARIO GRUPPO RBM12.12.2017
     RIUNIONE DELLA SEGRETERIA NAZIONALE04.12.2017