Snfia Arte

Solidarietà, musica, arte e bellezza per lanciare una nuova grammatica del lavoro. Questi i linguaggi scelti per trasmettere il proprio messaggio e recuperare l'identità più profonda.

  Accedi alla sezione

StareInsieme

Le attività promosse da SNFIA al di fuori del perimetro strettamente sindacale e volte alla valorizzazione, in ogni sua forma, del tempo libero e della sfera sociale e culturale.

  Accedi alla sezione

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere la newsletter SNFIA inserisci la tua mail e segui le istruzioni inviate all'indirizzo indicato.

 

 

  Iscriviti alla newsletter

COMUNICAZIONE    ULTIME NOTIZIE

Torna Notizie SNFIA: interviste ed approfondimenti da non perdere

Torna Notizie SNFIA: interviste ed approfondimenti da non perdere

 

E’ in distribuzione il numero 77 del nostro periodico

 

Roma - Come oramai buona abitudine Ti preannuncio che è in distribuzione l'ultimo numero del nostro notiziario NS-NotizieSNFIA e che è già consultabile in anteprima – in versione pdf – sul nostro sito.
In questo numero potrai trovare subito una novità nelle “Interviste” di Anna Maria Barbato Ricci – che ci sta prestando la sua “penna” e soprattutto il suo “acume”: Anna Maria ha posto alcune domande a Gianni Perri – head hunter assicurativo – e al giovane “cervello” Roberto Rizzoli recentemente ricevuto in udienza con l’australiana Marita Cheng dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a riconoscimento del Progetto che i due, insieme al terzo socio, lo svedese Simon Edwardsson, stanno sviluppando per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale a sostegno di chi è affetto da cecità.
Proprio il giovane Rizzoli svela forse l’arcano che è alla base del declino del Bel Paese e della fuga di cervelli: “Molto dipende dal fatto che il mercato dell’innovazione parla inglese e non vi è, anche fra gli italiani più giovani, un’attitudine per questa lingua al punto da conoscerla così bene per interfacciarsi col mondo. Se un qualsiasi italiano avesse, a esempio, avuto l’intuizione di far nascere UBER e, poi, lo avesse fatto funzionare nella sua lingua madre, non avrebbe riscosso il successo planetario che ha avuto”.
Per cui chi conosce la lingua e ha delle idee, piuttosto che interfacciarsi con chi ha una conoscenza renziana dell’inglese con una linea manageriale basata sul contenimento dei costi, ci saluta.
Dell’intervista a Perri ti anticipo un’affermazione che è anche una pre-visione di quello che dovrà essere “Si è inseguita una cultura prettamente commerciale, lasciando solo sullo sfondo la cultura della consulenza … ritengo che possano prospettarsi delle figure di interfaccia uniche alla clientela; il che richiede una rivoluzione della formazione nel settore, investendo nelle competenze trasversali”.
Sempre Anna Maria ci racconta di quanto accaduto a Roma nel corso del seminario "Il Lavoro che verrà…” organizzato da Snfia nell’ombrello di Enbifa.
In un'epoca di profonde trasformazioni, come quella che stiamo vivendo – o in cui sopravviviamo – il nostro Segretario Generale ha rimarcato la necessità di un nuovo Umanesimo del lavoro e nel lavoro: è necessario anzi impellente "…creare una corsia di accesso lavorativo alle giovani generazioni, nativo-digitali, meritocratica e fondata sui loro innovativi talenti… costruire un ponte fra le generazioni e fra lavori vecchi e nuovi… la parola d'ordine ci viene da Papa Francesco: Fare insieme”.
Un nuovo Umanesimo da innestare in un contesto efficacemente descritto da Domenico De Masi: “Se oggi dovessi consigliare ai giovani quali studi garantiscano loro l’occupazione, non saprei indicar loro nulla, vista la situazione dinamica che viviamo quotidianamente e l’accumularsi di 14 riforme universitarie che ho vissuto nella mia carriera e che non hanno saputo rinnovare l’Università italiana”.
La collega e amica Laura Bertolini ha arricchito la sua fatica sullo “Smart Working”, la “Sharing Economy” e il “Coworking”: illustrando a grandi linee alcune esperienze aziendali.
Sorvolo sul pezzo a mia firma citando Papa Francesco “…rifiutare categoricamente che la dignità della persona venga calpestata in nome di esigenze produttive, che mascherano miopie individualistiche, tristi egoismi e sete di guadagno…”, mentre Ti segnalo il dotto pezzo dell’amico Francesco Alvaro sulle nozioni di “subordinazione”, “coordinamento” ed “eterodirezione” (Alla ricerca del lavoro autonomo continuativo funzionalmente subordinato).
Nella rubrica Affari Internazionali potrai leggere un breve resoconto – con le dovute riflessioni – che la collega Anna Paola Maccio fa sul 18° incontro del Comitato Esecutivo Mondiale di UNI Global Union (L’era della chiusura dello spazio democratico).
Buona lettura.




 

Lorenzo Capasso - Redattore Capo di NotizieSnfia

Pubblicato il 21.04.2016

 

Ultime notizie

     Incontro con gli iscritti dell'Emilia Romagna15.12.2017
     SOTTOSCRITTO IL CCNL DEGLI ASSICURATIVI15.12.2017
     SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI RYANAIR14.12.2017
     COMUNICATO UNITARIO GRUPPO UNIPOLSAI12.12.2017
     INCONTRO DELLA SEGRETERIA NAZIONALE CON GLI ATTIVI DEL PIEMONTE12.12.2017